Classificazione delle Valute Minori

Le valute minori sono valute liberamente disponibili e trattabili sul mercato, ma la loro tipicità deriva dal fatto che il mercato monetario può a volte soffrire della mancanza di loro disponibilità.

Anche se il Foreign Exchange Market è molto liquido, i volumi superiori a 50 milioni di USD, possono essere difficili da scambiare in una sola volta. Nel mercato “forward” il periodo di scadenza può incontrare maggiori limiti, e l’operazione può essere molto costosa.

Valute minori sono considerate quelle di paesi che costituiscono importanti realtà economiche a livello mondiale, tuttavia di minore rilievo rispetto alle valute principali. Tra di esse troviamo:

Punt irlandese
Dollaro di Singapore
Dollaro neozelandese
Corona norvegese
Corona svedese
Corona danese
Rupia indiana
Dracma greca

Le valute esotiche
Proseguiamo l’approfondimento sulla classificazione delle valute, trattando le valute esotiche.

Questa categoria di valute si distingue dalle altre in quanto, pur essendo disponibili le quotazioni sul Foreign Exchange Market, queste valute possono essere soggette a limitazioni, ad esempio per quanto riguarda l’importo consentito per la transazione, o a causa di politica di governo.

Altra caratteristica è che il mercato forward può essere assente o, in ogni caso, molto costoso.

Sono classificate valute esotiche per lo più monete dell’Estremo Oriente, ma anche valute Africane, ad esempio:

Rupia indonesiana
Baht thailandese
Dollaro di Hong Kong
Ringgit malese
Peso filippino
Anche se, tecnicamente parlando, rientrerebbero tra le valute esotiche, vengono tradizionalmente definite valute dei mercati emergenti le monete appartenenti al vecchio “Blocco Orientale”, il Sud America e il Rand sudafricano. In particolare tra queste le principali sono:

Zloty polacco
Rublo russo
Fiorino ungherese
Peso argentino
Real brasiliano
Rand sudafricano
E ‘importante notare che, dal punto di vista dell’investitore istituzionale, i mercati emergenti sono accomunati nel comportamento, in quanto qualsiasi evento che interessa una sola tra queste monete può influenzare a macchia d’olio tutte le altre valute dei mercati emergenti.

Investitori o trader in queste valute devono quindi sempre tenere d’occhio ciò che accade sulla globalità dei mercati emergenti.

Panieri di valute
Concludiamo lo spazio dedicato alla classificazione delle valute, parlando dei panieri di valute (currency baskets).

I panieri di valute sono usati come strumento di analisi delle prestazioni di una specifica valuta in relazione a molte altre. A tal fine, gli analisti fanno uso del tasso di cambio ponderato su base commerciale. Il tasso di cambio ponderato su base commerciale di una moneta è un indice che esprime le prestazioni di una valuta nei confronti di un “paniere” contenente tutte le valute dei principali partner commerciali della moneta in questione.

Un esempio recente di come il sistema currency baskets viene utilizzato si è visto al momento dell’annuncio della rivalutazione dello yuan cinese (renminbi).

La rivalutazione consente allo yuan di fluttuare all’interno di una fascia di prezzo fissata relativamente a un paniere di valute: tale paniere comprende i più grandi partner commerciali per la Cina, vale a dire USA, Euro-zona, Giappone e Corea.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *