Quali Sono i Diversi Tipi di Obbligazioni

Prima di acquistare le obbligazioni è utile sapere innanzitutto quali tipologie di questi strumenti finanziari possiamo trovare per fare un investimento adatto alle nostre esigenze. Ci sono diversi criteri per classificare le obbligazioni, principalmente le si distingue in base all’ente o la società emittente, oppure attraverso le modalità con le quali viene remunerato l’investimento (con cedole, titoli zero coupon o senza cedole) o le modalità e i tempi di incasso e di rimborso (con cedole semestrali, annuali etc). Generalmente le obbligazioni si dividono in:

– senza cedola o zero coupon (non pagano una cedola periodica ma prevedono un rendimento periodico calcolato con la differenza tra il prezzo di acquisto del titolo e il prezzo di rimborso).

– a tasso fisso (con cedole semestrali o annuali corrispondenti agli interessi del prestito)

– a tasso variabile (le cui cedole sono soggette all’andamento di parametri come l’Euribor)

– convertibili (all’investitore viene offerta la possibilità di convertire le proprie obbligazioni in un certo quantitativo di azioni a determinata scadenza)

– step up e step down (caratterizzate da cedole che variano di importo nel tempo, in progressivo aumento o in diminuzione)

– drop lock (obbligazioni a tasso variabile che fissano un tetto minimo di rendita)

– dual currency (il capitale può essere rimborsato in una valuta a un tasso prefissato)

– reverse convertible (basate sull’andamento di azioni, hanno cedole alte ma se il prezzo dell’azione a scadenza non è superiore a una soglia il capitale viene rimborsato con azioni di valore inferiore complessivo)

– fixed reverse floater (obbligazioni strutturate a lunga durata che prevedono un tasso fisso iniziale e in seguito diventano “reverse” ovvero variabili e inversamente correlate all’andamento dei tassi di interesse)

– subordinate, sono obbligazioni rischiose perché possono essere rimborsate dall’emittente in caso di insolvenza dopo tutte le altre, in compenso hanno alti rendimenti. Per dettagli è possibile vedere questa guida sulle obbligazioni subordinate.

Molto interessante.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *